Recensioni

Maloca, MoFrancesco Quintetto

malocaIl jazz si fa sempre più europeo e mediterraneo. Numerosi sono i bravi musicisti che calcano le scene dei grandi festival e che portano un mix di suoni e culture nelle loro produzioni. Maloca del MoFrancesco Quintetto, uscito per l’etichetta americana Art of Life Records, è tra queste. Un quintetto nato quasi per gioco durante un recital ma che porta in seno delle sonorità nuove ed interessanti.
Francesco Valente al contrabbasso, insieme a Guto Lucena al sax soprano e tenore e al clarinetto, Johannes Krieger alla tromba, Iuri Gaspar al piano e Miguel Moreira alla batteria, si sono messi insieme e hanno cercato di creare un sound diverso nel loro album Maloca. Creare un sound non è cosa da poco, forse più complicato della maionese, soprattutto quando si mischiano ritmi e musiche dal sapore popolare per poi portarle nel jazz. Ma questo quintetto stupisce e crea una salsa accattivante. Maloca, il brano che da il titolo all’album, ne è la prova: il piano, che prima esordisce con il tema insieme al contrabbasso e poi dialoga con il resto del gruppo, dolcemente lascia sviluppare il brano nelle mani degli altri musicisti e del sax in particolare. È la prova di come un buon interplay possa portare alla riuscita di un progetto. L’atmosfera briosa che porta chi ascolta a seguire pezzo per pezzo tutto l’album è un continuo crescendo di tensioni e dissoluzioni, studiate tra i vari solo dei musicisti e i temi proposti. Lo stile semplice ma spontaneo dei cinque musicisti rende Maloca una buonissima base di partenza sulla quale sviluppare il quintetto.
Francesco Valente fa cantare molto bene il suo contrabbasso e guida il gruppo con totale dedizione ad esso. In particolare nel brano Evening esce il suo lirismo e la sua bravura con le 4 corde.
Guto Lucena e Johannes Krieger riescono a far uscire belle sonorità rispettivamente dal sax e dalla tromba, forse ancora un po’ acerbi nelle loro intenzioni nel suonare ma di grande potenza.
Iuri Gaspar è un eccellente pianista, con la sua grande tecnica riesce a portare il gruppo sulla giusta strada in ogni brano, mettendo in luce le sue grandi qualità stilistiche in ogni solo.
Miguel Moreira è un batterista molto bravo, in grado di portare il gruppo ma anche di distinguersi nelle sue qualità e particolarità, anche se forse un po’ in sordina.
Il MoFrancesco Quintetto, formazione che vede Francesco Valente esordiente come leader, affascina e si lascia seguire, alla scoperta di un nuovo modo di vedere la musica, il modo di Maloca. Attendiamo la brillante crescita che il quintetto sicuramente avrà.

Federica Di Bari

Annunci

2 thoughts on “Maloca, MoFrancesco Quintetto

  1. Pingback: Recensione dell’album Maloca, on Salt Peanuts | FRANCESCO VALENTE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...