Focus on

Giorgio Gaslini, il musicista totale

image

Giorgio Gaslini è un compositore, un direttore d’orchestra, un jazzman. O meglio, era. Il grande teorico della Musica Totale oggi ci ha lasciati, dopo aver lottato per un mese in ospedale a seguito di una caduta. Giorgio Gaslini ha composto suite, sinfonie, lieder, cantate politiche, concerti sacri, partiture per balletti, canzoni, un’opera, un melodramma e colonne sonore. Giorgio Gaslini ha cambiato il modo di vedere il jazz in Italia e il modo di vedere la musica nel mondo.

Sempre attento alle nuove tendenze, sin da piccolo aveva sviluppato interesse verso il mondo musicale d’oltreoceano, cercando di carpire quanto più potesse dai maestri del jazz americano. Con la conoscenza in conservatorio del mondo classico e il lavoro nella piccola casa editrice La Voce del Padrone lo mette a confronto con la scena musicale di Darmstadt e con l’intuizione dodecafonica di Schönberg che gli permette di sviluppare il jazz come un’opportunita per fare della musica una Musica Totale:

“La musica è per l’uomo. La musica nasce dall’uomo per l’uomo. A noi interessa l’uomo totale. Siamo quindi per la sintesi di tutte le culture e quindi per la fusione di tutti i linguaggi musicali. Poichè totale significa anche passato oltreché presente e futuro, non poniamo limite all’uso di linguaggi musicali del passato. Totale non significa caos. Significa non tralasciare ciò che anche per un solo uomo conta e operare per un tutto futuro, al vertice di un’evoluzione del mondo; significa intuire, desiderare e sollecitare l’avvento, attraverso i processi storici di un uomo totale. Ci appare superato ogni dogmatismo stilistico limitato a culture specifiche e ci dichiariamo per l’assunzione di tutte le culture musicali in un unico atto libero di creazione espressiva. Ci proponiamo un’arte popolare che raccolga le membra sparse di tutto l’uomo, che preannunci una civiltà dell’uomo, unica, totale e al vertice di un’evoluzione spirituale, di un processo storico. In questa prospettiva il musicista è tenuto a interessarsi degli altri e non c’è più posto per presunzione di valore stilistico. Questo è un movimento musicale, non è un metodo o una tecnica semplicemente, ma una scelta di fondo che si traduce in un’assunzione di tutti gli stili e i generi musicali in un unico personale uso. Vi sono infinite scelte, poi, negli usi di determinati stilemi, ma tutto ciò è affidato all’autenticità del musicista, alla sua carica espressiva, alla sua percezione poetica, alla sua intuizione artistica. Non v’è posto per lo sperimentalismo fine a se stesso. Occorre amare e assumere le espressioni musicali diverse e a tutti i livelli, dell’uomo. ” (Giorgio Gaslini, Manifesto di Musica Totale)

image

Cinema, album, progetti musicali, opere, impegno civile, impegno musicale, Giorgio Gaslini è stato uno dei maestri della musica italiana. Oggi con lui va via un pezzo della nostra storia ma rimane con noi il pezzo più importante: la sua musica.
Ciao Giorgio

image

Federica Di Bari

https://m.youtube.com/watch?v=0a8bgSMpvuE

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...